Destinatari

"Secunnu l'usu di a parolla accettata, u terminu "destinatariu" (;;;;;;;;, susceptor, sponsor, fidejussor, etc.) significa una persona chì hè un tistimone, un garante di a fede di a persona chì hè battezzata. è inseme cù u so mentore, capu in più a vita religiosa è morale ".

Nasci una quistione naturale, chì fà è cumu agisce in questa situazione? Di sicuru, a megliu opzione seria di participà solu à a chjesa, chì participanu à a vita spirituale di a parrocchia, in l'accolta. Ma, per certi mutivi, a suluzione di a quistione posta ùn pò esse senza ambiguità. Ùn ci hè micca tanti parrocchiani in a Chjesa chì sò pronti à diventà mentori chì puderianu esse affidati di l'educazione spirituale di un cristianu novu battizatu.

2020
Daremu alcune definizioni da u studiu teologicu prupostu, chì ci permetterà di determinà l'essenza di i prublemi è perplessità assuciati cù a pratica muderna di fà u Sacramentu di u Battesimu.
Di sicuru, i catecumeni sò necessarii per i destinatari, è hè pussibule chì in un certu tempu, a cunniscenza chì hè stata ottenuta in u prucessu di catecumeni hà da ghjucà un rolu in a salvezza di u destinatariu è di u so figlioccio. Un tali risultu favurevule, sicuru, pò è deve esse cunsideratu, ma seria irresponsibile di s'appoghjanu à un tali sviluppu di a situazione. Questu deve esse capitu da i dui genitori quandu sceglienu i padrini per u so zitellu, è u prete, chì pò è deve aiutà à piglià a decisione bona.

Cum'è a verità cunnisciuta dice - a fine determina i mezi. Dunque, pruvemu, nantu à a basa di i requisiti dichjarati per u destinatariu, per determinà cumu a Chjesa muderna porta à a fede quelli chì stessi (digià esse adulti), o per mezu di i padrini (in a zitella) vulianu a salvezza è dumandò à Diu per una "bona cuscenza". ” in u Sacramentu di u Battesimu.

Prima, solu quelli chì anu digià acquistatu sta fede ponu tistimunianza di a fede di una persona chì si prepara per u Battesimu. A fede hè un rigalu di Diu (vede Efesini 2: 8; Rom. 10: 17), è sapemu bè chì micca tutti quelli chì sò stati battizzati da a Chjesa hà stu rigalu preziosu. Ma, ancu s'è a fede hè inherente à u garanti, questu ùn hè micca abbastanza. L'Apòstulu Ghjacumu insegna chì "a fede senza opere hè morta" (James 2:26). A fede deve esse cunfirmata da atti degne di l'insignamentu di u Vangelu. U Salvatore avvisa: "Micca tutti quelli chì mi dicenu: "Signore! Signore! "Varà entre in u regnu di i celi, ma quellu chì faci a vulintà di u mo Babbu in u celu" (Mat. 7: 21). È per distingue a vulintà di Diu da i bramosi di u mondu, una persona, secondu e parolle di l'Apòstulu Paulu, hà bisognu di "sentimenti abituati da longu studiu per distingue u bè è u male" (Heb.5: 14).

Da ciò chì precede, diventa chjaru perchè da u 75-80 per centu di a pupulazione russa chì si chjamanu Ortodossu, solu 3-5 per centu ricorrenu à i Sacramenti salvatori di Penitenza è Cumunione. Cosa hè un mentore, cusì hè un studiente.
"U destinatariu era ... un tistimone, un garante di a fede di a persona chì era battezzata, è da a so pusizione hà ricurdatu à u percepitu di l'obligazioni ch'ellu assumeva quandu entra in una sucità cristiana"

 "Quandu u Sacramentu di u Battesimu nantu à i zitelli è i zitelli sottu à 7 anni, deve esse ricurdatu chì u battèsimu di i zitelli hè realizatu in a Chjesa secondu a fede di i so genitori è i padrini. In questu casu, i dui genitori è i destinatari anu da esse sottumessi à una furmazione categurica minima, salvu in quelli casi quandu sò insignati i fundamenti di a fede è participanu à a vita di a chjesa. E cunversazione d'annunziu cù i genitori è i padrini deve esse tenuti in anticipu è separatamente da a realizazione di u Sacramentu di u Battesimu. Hè apprupriatu à chjamà i genitori è i beneficiari per preparà a participazione à u Battesimu di i so figlioli per participà persunale à i Sacramenti di Penitenza è di l'Eucaristia.

Battezzati, i genitori è i destinatari sò posti nantu à u stessu livellu spirituale, chì pò esse definitu cum'è assai, assai bassu. Ma, se per qualchissia chì si prepara à u battesimu è, in una certa misura, i so genitori, hè abbastanza naturale per esse in una sorta di ignuranza spirituale è teologica, allora per un padrinu, à a luce di i requisiti sopra citati per un destinatariu, tali ignuranza hè assolutamente inaccettabile.

Ci vole à ricunnosce chì in u mumentu a maiò parte di i "padrini" hè un matchmaker, amicu, fratellu o zia (da Magadan), chì hè ghjuntu à u Tempiu, in u megliu, un paru di volte in tutta a so vita. È questu significa chì nè dui, nè trè, nè dece catecumeni ponu dà una guaranzia chì i padrini di novu fattu guadagnà a fede. In a maiò parte, sti cristiani, cum'è eranu luntanu da a Chjesa, fermanu cusì.

(Riflessioni prima di u Battesimu)

"Un solu destinatariu hè ricunnisciutu cum'è necessariu; cù un zitellu masciu, un omu; cù un zitellu femina, una donna. U breviariu hè spressu in questu spiritu. " Citemu
ancu l'ordine di u Patriarca Kirill No. P-01/12.
In tutte e parrocchie, i corti patriarcali è monastici, è ancu i monasteri sottu à l'amministrazione patriarcale, e disposizioni previste in a Sezione II deve esse strettamente osservate. 1 di u documentu sopra citatu, chì, in particulare, prevede i requisiti minimi per a divulgazione di l'adulti è i zitelli di più di 7 anni chì volenu riceve u Sacramentu di u Battesimu, è ancu i genitori è i patrocinatori di i zitelli sottu 7 anni. età. Questi requisiti minimi includenu:
Per affruntà u prublema di a storia di l'emergenza è a pratica di l'accolta in l'antica, è ancu in a Chjesa Ortodoxa muderna, serà utile à riferite à l'opera di Alexander Vasilievich Petrovsky, Maestru di Teologia, maestru di l'Università. u Seminariu Teologicu di San Petruburgu, "Invitati".

"In cunnessione cù l'appruvazioni da u Cunsigliu Consacratu di Vescuvi di a Chiesa Ortodoxa Russa u 2-5 di ferraghju 2013 di u documentu "In u serviziu religiosu, educativu è catecheticu in a Chiesa Ortodoxa Russa", aduttatu da u Santu Sinodu u 27 di dicembre. , 2011 (ghjurnale N ° 152), mi pare necessariu di dà una più sistematica a natura di l'esekzione in e parrocchie di a diocesi di a cità di Mosca di l'istruzzioni cuntenuti in stu documentu in quantu à i requisiti minimi per a preparazione di e persone. per l'accettazione di u Sacramentu di u Battesimu.
In terzu, è questu hè u più impurtante, solu quelli chì anu digià amparatu qualcosa pò insignà o insignà à qualchissia. L'Scrittura, per via di a bocca di u Salvatore, dice: "U discìpulu ùn hè micca più altu ch'è u maestru, è u servitore ùn hè micca più altu ch'è u so maestru" (Mat. 10:24). Chì pò un padrinu insignà à u so padrinu, se u "maestru" stessu entra in u tempiu solu in ocasioni, è ùn participa micca à i Sacramenti di a Chiesa? Ovviamente, solu listessa attitudine irresponsibile versu a fede. U Signore avvirtenu annantu à questu: "Se u cecu guidanu u cecu, tutti dui cascanu in a fossa" (Mat. 15: 14).

Di sicuru, questu hè un ragiunamentu un pocu esageratu. Hè impussibile micca di piglià in contu l'effettu di a gràzia di u Spìritu Santu nantu à u novu illuminatu è u so destinatariu durante a realizazione di u Sacramentu di u Battesimu. Et, pourtant, il serait illusoire de penser que l'action de la grâce de Dieu, éclairant « à tous ceux qui viennent au monde », soulage la responsabilité du récipiendaire, ou du prêtre qui a confié l'âme non établie aux soins d'un mentore irragionevule.

Siconda, a guaranzia richiede motivi. Questu hè, a Chjesa pò accettà solu a guaranzia di qualcunu chì hà qualchì tipu d'autorità di a chjesa interna per questu. Sì, per a qualità di u funziunamentu di questu o quellu travagliu di una persona scunnisciuta per mè, una altra persona scunnisciutu per mè (o quellu chì eseguisce stu travagliu male), allora una tale guaranzia ùn hà micca forza per mè. Allora, nantu à quale basa a Chjesa deve accettà una guaranzia di a verità è a serietà di l'intenzioni di a persona chì hè battezzata da qualcunu chì ellu stessu ùn cumpiendu micca sti intenzioni veri o ancu ùn l'avete micca?

"In urdinendu à i battezzati per avè un padrinu, l'antica chjesa assignava un tipu speciale di duvere à l'ultimi. Sicondu l'evidenza di i munumenti, cuminciaru prima di u battèsimu, anu fattu à l'attu stessu di u battèsimu, è cuntinueghjanu dopu.
Dichjarazioni di Petrovsky A.V. pò esse cumplementatu cù una citazione da u longu catechismu di Metropolitan Philaret (Drozdov): "À u Battesimu, i padrini sò necessarii per assicurà a fede di u battizatu davanti à a Chjesa è dopu à u Battesimu per piglià a so cura per a cunferma in a fede (vede San Dionigi l'Areopagite. Nantu à a Gerarchia di a Chjesa, capitulu 2) ".

• in relazione à quelli chì sò battezzati (eccettu per i zitelli) - una cunversazione persunale cunfessionale pentita cù un prete ... "

• in relazione à quelli chì sò battezzati (eccettu per i zitelli), i genitori è i padrini - participazione à almenu duie conversazioni catechetiche purtate da un prete o catechistu nantu à i cuncetti basi di a moralità cristiana, u dogma ortodossu è a vita di a chjesa;
Cumu avemu nutatu sopra, cunducendu conversazioni categuriche cù i destinatari ùn guarantisci micca chì acquistenu una fede vera è attiva. Iè, si pò esse dichjaratu chì più di a mità di u putenziale, padrini non-churched rispunsabilità, è ancu cù qualchi interessu, assiste à discorsi catechetical, è abbastanza cuscenza eseguisce tutti i travaglii di catechist. Ma, cum'è a pratica mostra, in u futuru, dopu à a celebrazione di u Sacramentu di u Battesimu, in u megliu, solu unu di deci o vinti tali "garantii" cunsidererà seriamente a so attitudine à a fede è, forsi, diventeranu un participante à pienu livellu. in i Sacramenti di a Chjesa.

Forse u prublema ùn saria tantu agutu se solu quelli chì campanu veramente in u territoriu di sta parrocchia eranu battezi in questa o quella chjesa. In questu casu, u prete, cunnoscendu a so banda "di vista" è essendu à poca distanza da u parrocchianu novu battizatu è u so benefattore, averebbe più opportunità per a so cura pastorale. À un certu puntu, stu approcciu pò esse appiicatu à una piccula parrocchia rurale, ma a realità di una metropole muderna ùn sò micca adattati per questu.

Sacerdote Sergius Pometnev
Da u cuntenutu di sti dui ducumenti, pudemu distingue u seguente:
"I duveri indicati stessi predeterminanu a quistione di quale l'antica chiesa hà permessu di esse un successore. Siccomu era un tistimone, garantitore di a fede di a persona chì era battezzata è u so mentore in a vita più tardi, ùn pudia esse solu quellu chì ellu stessu hè statu struitu in e verità basiche di u Cristianesimu, cunniscia u credo, a Preghiera di u Signore è altri punti principali di u dogma cristianu.

Un zitellu chì hè sempre alimentatu di latte ùn pò micca serve l'alimentariu à un zitellu chì si trova vicinu à ellu. I zitelli sò nutriti da quellu chì ellu stessu hè digià manghjatu alimentu solidu. L'apòstulu Paulu scrive annantu à questu spirituale in l'epistola à l'Ebrei: ma avete bisognu di novu à esse insignatu i primi principii di a parolla di Diu, è avete bisognu di latte, micca alimentu solidu. Quellu chì si alimenta di latte ùn sapi a parolla di a verità, perchè hè un zitellu; ma l'alimentu solidu appartene à u perfettu, chì i so sensi sò abituati da a pratica per distingue trà u bè è u male "(Eb 5: 12-14).

Prima di tuttu, demu un extracte di u ducumentu "In u serviziu religiosu, educativu è catechisticu in a Chiesa Ortodoxa Russa
" u so figliolu, un garantitore di a verità di i so intenzioni spirituali, è, in una certa misura, diventa un mentor. à u cristianu novu illuminatu.

Hè ovvi chì u prublema di a chjesa di i cristiani novi illuminati ùn pò micca avè una solu suluzione universale, ci vole un approcciu cumpletu è integratu.

Perchè u 53e hè ghjustu. U Cunsigliu Trullianu pusò a parentela spirituale sopra à e relazioni carnali, chì cercanu u divorziu puderia cercà per via di a percepzione di u so figliolu. Per contru à questu, Bizantinu. L'imperatori Leo IV è Custantinu VI pubblicò una storia corta, nantu à a basa di quale u maritu hè culpèvule di divorziu per ciò chì seguita. l'adopzione di u so figliolu di parentela spirituale cù a so mòglia, incompatibile cù a continuazione di u matrimoniu, era sottumessu à una multa o punizioni corporali, esiliu di 7 anni è a pruibizione di rimarità. Cusì, stu abusu hè statu sradicatu.
L'istituzione di ricezione esiste in a Chjesa dapoi l'antichità. Sureties (lat. susceptores) sò mintuvati da Tertullianu (II seculu) (Tertull. De bapt. 18). Testimonianza di u garanti chì hà participatu à l'admission di un novu membru à Cristu. cumunità, hè cuntenuta in u cusì chjamatu. "Tradizione apostolica" di u 3u seculu, (Trad. Ap. 20), ancu s'è quì ùn avemu micca parlatu di ricezione in u sensu propiu di a parolla, perchè u guarant hà participatu à i catecumeni, è micca in u Battesimu stessu. A participazione di u garante (V.) in u Battesimu hè registratu 45 (54) diritti. Cunciliu di Cartagine (419) : « I malati, chì ùn ponu risponde per sè stessu, ch'elli sianu battezzati quandu, à u so piacè, altri tistimuniaranu nantu à elli, sottu a so rispunsabilità ». In u trattatu "On the Church Hierarchy" "Areopagitic" (V-VI seculi), e funzioni di V. sò descritte in detail (EH. 2: 2-5).

Sicondu l'usu di l'antica Chjesa, in regula, un padrinu, di u stessu sessu cum'è a persona chì hè battezzata, participava à u battesimu. In u battèsimu di l'adulti allora prevalenti, questu seguita da un sensu naturali di vergogna ("per chì l'insignamentu di u segnu indestructible sia fattu decente" - Const. Ap. III 16. 4). Ma dopu. in u Battèsimu, chì, sicondu l'insignamenti di a Chjesa, hè a nascita spirituale di una persona, per analogia cù a nascita di a carne, u padrinu è a madrina cuminciaru à participà simultaneamente. Codice imp. St. Justinianu I (534), chì pruibisce u matrimoniu trà u destinatariu è u percepitu, ùn cunsidereghja ancu a pussibilità di u matrimoniu trà u destinatariu è u Receiver (CJ. 5. 4. 26. 2). Stu custumu si sparse in Occidente in u VIII seculu. (Torquebiau. Col. 155, 158); Facilmente intrì in a vita di a Chjesa, soprattuttu chì, cù u tempu, i zitelli sò stati battezzati principarmenti. Bp. Roman St. Leone I u Grande (440-461), dopu. U Cunsigliu di Mainz in l'annu 813 hà cundannatu sta pratica, ma hè fermamente arradicata.
Participazione à u battèsimu V. è padrini, oltri a absenteeism, quandu, per via di parentela o amicizia cù a famiglia di una persona novu battizatu, una persona chì ùn participà à u battèsimu hè ricunnisciutu cum'è un padrinu o mamma, sò abusu.
Hugo di Saint-Victor (1ª metà del XII secolo) in op. « De sacramentum » (Sur les sacrements) en témoigne dans le catholique. Ci era trè V. in a chjesa; a maiò parte di i cattolici Cattedrali XIII-XIV seculi. permessu 2 madrine è una madrina per i battezi è 2 madrina è una madrina per i battizzati; sta pratica s'impurtava in u XVmu seculu. U numaru di V. i zitelli da famiglie nobili spessu ghjuntu in certi lochi, per esempiu. in Venezia, sin'à 20 è ancu sin'à 100, chì furnia sti zitelli cù parechji patroni è rigali. U Cunciliu di Trentu (XVI seculu), chì pruibisce sta pratica, determinò chì i battizzati deve avè un padrinu o padrinu è mamma (Torquebiau. Col. 158).
Enciclopedia ortodossa. - M .: Centru Chjesa-Scientificu "Enciclopedia Ortodoxa".
Tuttavia, in u decretu di u Santu Sinodu di a Chiesa Ortodoxa Russa di ghjennaghju 19. 1810, a relazione di parentela spirituale trà i figlioli di V. è u percivutu hè nigatu. U Santu Sinodu truvò un ostaculu insurmontable à u matrimoniu solu in a relazione trà a figliola è u babbu di a so figliola, è ancu trà a figliola è a mamma di u figliolu. Cusì, hà procedutu da a non-ricunniscenza di a realtà canonica di l'accettazione di una persona di u sessu oppostu in relazione à a persona chì hè battezzata, ancu s'è nè in questu decretu di u Santu Sinodu, nè in atti più tardi di l'autorità di a chjesa, u assai custumi hè pruibitu di participà à u battèsimu cum'è V. 2 persone di diversi sessi.
(padrina è mamma), persone chì, à u battesimu di l'adulti, sò tistimoni è garanti per a gravità di l'intenzione è per a fede ghjustu di a persona chì hè battezzata, è à u battèsimu di i zitelli è i malati, privati ​​di u rigalu. di parlà, dà i voti di battesimu per elli è pronunzia u Credo. V. hà u duvere di seguità a crescita di e religioni. è a cuscenza murali di u novu battizatu. In casu di necessariu, V. deve furnisce u patronu à i so figliole o ancu piglià in i so cura.
In seguitu, l'usu di a participazione di u destinatariu è u destinatariu in u battèsimu penetrò ancu in l'Oriente. In a Chjesa Ortodoxa Russa, si sparse digià in u 13u seculu. Sta pratica hè stata opposta da i metropolitani Santi Ciprianu (XIV seculu) è Foziu (XV seculu), ma dopu à u XV seculu. participazione à u battèsimu di u zitellu 2 V. - u padrinu è a madrina - ùn hè più scontru cù l'obiezioni da l'autorità di a chjesa.
Micca ogni persona hè ammessa à a ricezione. I genitori di u battizatu sò cacciati da ellu. I casi di i genitori chì piglianu i so figlioli da a fontana sò stati in l'antica Chiesa, ma questu hè stata cundannata da l'autorità di a chjesa è hè stata pruibita da imp. St. Giustiniano I, ep. Roman St. Leo I u Grande, u Cunsigliu di Mainz in l'annu 813. In u Nomocanon à u Gran Ritual, hè indicatu chì u benefiziu di u so zitellu hè siparatu da a so mòglia, a mamma di u zitellu, postu chì sò diventati padrini, vale à dì acquistà parenti spirituali, chì hè più altu ch'è a parentela carnale (Art. 209); Se u maritu è ​​a moglia diventanu padrini di un zitellu, ùn deve micca entra in a relazione carnale, altrimenti sò esclusi da a Cumunione per 17 anni, sò prescritti 100 prostrazioni terrestri ogni ghjornu è manghjà seccu u mercuri è u venneri - "chì li perdona, sì. esse maledetti » (Art. 211). I monaci anu da astentà di riceve (Art. 84). Sicondu i decreti di u Santu Sinodu di u 23 di maghju 1836 è di u 27 d'aostu. 1837, V. ùn pò esse persone sottu à l'età di a maiurità di a chjesa - 15 anni per l'omi è 13 per e donne (in a Chiesa Cattolica 16 anni - CIC. 874. § 1. 2); V. parsoni incompetenti ùn pò esse; non-credenti, eretici è apostati ùn sò micca permessi di riceve ricezione (Nomocanon à u Big Trebnik, Art. 22). Tuttavia, eterodossu, si dice in una manera auturità è ancu avè, in un certu sensu, ufficiale. valore in cun. XVIII - 1ª metà. 19u seculu "U libru nantu à i duveri di i presbiteri parrocchiali", cumpilatu da l'Arcivescu. St. George (Konissky) è u vescu. St. Parthenius (Sopkovsky), pò esse in certi casi V. Ortodossu, ma à u battèsimu deve leghje u Credo Niceno-Constantinopolitan senza aghjunghje u Filioque. Perchè nantu à V.
In a cuscenza canonica di a chjesa, a relazione trà u destinatariu è a so figliola è, per quessa, trà u destinatariu è u so figliola, è ancu trà u destinatariu è u destinatariu, hà acquistatu u caratteru di parentela spirituale, chì, però, ùn pò micca esse messi. à u listessu livellu cum'è a parentela spirituale chì culliga V. cù i figlioli di u stessu sessu cù elli è cù i so genitori. Dopu chì a pratica hè stata stabilita per avè un destinatariu è un destinatariu à u battèsimu, imp. St. Justinianu hà pruibitu u matrimoniu trà u destinatariu è u percepitu, argumentendu chì nunda ùn pudia eccite ​​l'amore paternu à una tale misura è stabilisce un ostaculu cusì legittimu à u matrimoniu (CJ. 5. 4. 26. 2).
Calchì volta V. hè chjamatu e persone chì participanu à u matrimoniu cum'è tistimoni, o guarantis, chì hè u so nomu più cumuna. V. sò ancu chjamati babbi spirituali, à quale i monaci tonsurati novi sò datu per struzzione.
Lit .: Berdnikov I. S. Nantu à l'accolta à u battèsimu è a parentela spirituale cum'è un ostaculu à u matrimoniu. Kaz., 1892; Pavlov A.S. U cursu di u dirittu di a chjesa. Serg. P., 1902. S. 311-313, 349-352; Herman E. Baptême en Orient // DDC. T. 7. Col. 174-201; Torquebiau P. Baptême en Occident // Ibid. Col. 110-174; Afanasiev N., arcipreste. Entrata in a Chjesa. M., 1993. S. 86-93; Tsypin V., prut. drittu canonicu. M., 1996. S. 132-133, 352.
Cù i so figliole è i so genitori, V. entra in relazioni, chì sò chjamati parenti spirituali. U fattu di a parentela spirituale hè d'impurtanza particulari in a lege di u matrimoniu di a chjesa, essendu unu di l'ostaculi à u matrimoniu. Trullian Council Fathers (691-692) 53rd right. anu pruibitu i matrimonii trà V. è i genitori di quelli chì eranu aduttati ("Perchè l'affinità in u spiritu hè più impurtante chè l'unione in u corpu ..."). In Vasiliki, a pruibizione di i matrimonii trà e persone chì sò spiritualmente parenti hè ancu allargata à u 3u gradu: quellu chì accettava qualcunu da St. U battesimu ùn deve marità sta persona, perchè ella hè a so figliola, nè a so mamma o figliola. Nè u figliolu di u benefiziu pò marità cù e persone listate. Da a definizione di u Sinodu K-Polish sottu Patriarca Nicholas III Grammar (1084-1111), a prisenza di parentesi spirituali finu à u 7u gradu inclusive, cum'è a relazione di sangue, hè stata ricunnisciuta cum'è un ostaculu à u matrimoniu. Ma sti gradi sò determinati solu nantu à a linea discendente da u destinatariu è u percepitu, è longu à a linea ascendente solu in relazione à i genitori di a figliola o a figliola. Relazioni di parentela spirituale ùn sò micca applicati à i parenti nantu à a linea laterale.

Prut. Vladislav Tsypin

Determinendu e qualità di i destinatari, l'antica chjesa più di una volta hà spressu a so opinione nantu à u so numeru. Tutte e evidenza relative à questu puntu parlanu per u fattu chì ripruduce. ci deve esse unu : cù un omu un omu, cù una donna una donna. Un indicazione di questu hè digià in u decretu di u vescu Rumanu Hyginus, chì tistimunieghja chì in u battesimu pò esse un padrintu. U stessu hè veru di a pratica dopu. Cusì, sicondu Viktor Utichsky, ripruduce. Elpidiphoros di Cartagine era unu diaconu di Muret. In u martiriu di S. Sebastian dice chì riproduce. omi battezzati da presbiteru Policarpu era S. Sebastian, è i successori di e donne - Beatrice è Lyudina. In cunsiquenza, 22 A. Nicea Cunsigliu definisce: "Lasciate l'omi ùn tene micca i zitelli femine o donne, ancu chì una donna ùn mantene micca i zitelli maschili". Di i tistimunianzi di un tempu dopu, a tistimunianza di Leo u Grande è a Cattedrale Metsky (888) hè a più definita. U primu, in unu di i so decreti, dice: "micca assai persone, ma solu una, un omu o una donna, deve cumincià à riceve u zitellu da u battesimu". U sicondu 6u pr., decide chì da a surgente di u battèsimu u zitellu deve esse percepitu da una persona, è micca da dui, è ancu più da parechji.

Seminariu Teologicu di San Petruburgu.

In quantu à a storia di l'accolta in a Chjesa Russa, si riduce à a storia di una quistione - à dì, u nùmeru di ricezioni, postu chì era solu nantu à questu puntu chì a Chjesa Russa s'hè alluntanatu da e regule di a Chjesa Orientale. Ma ancu sti deviazioni cuminciaru micca prima di u 14u seculu; in u XIImu seculu A pratica russa coincide cù u grecu: à u battesimu, una ripruduzzione hè stata affidata. Tale cunclusione hè trattu da e parolle di a Chronicle Ipatiev sottu 1178: "è a quarta figliola hè natu à u Granduca Vsevolod, è u nome hè statu datu in u santu battèsimu à Polageya, è à u principe Sbyslav; è battezeghja a zia Olga. Chì era a pratica di u XIIImu seculu ùn hè micca cunnisciutu ; ma in u XIVmu seculu ci era un usu di esse à u battesimu duie riproduzioni - un omu è una donna. À un tempu, Metropolitan Cyprian hà nutatu in un missaghju à u populu di Pskov. "Riguardu à u nepotismu, hà scrittu, chì un zitellu per battizà un padrinu cù un padrinu, ùn ci hè nunda: hè incongruente battezà dui, nè un maritu cù a moglia d'altru, micca cù a so moglia, ma u battesimu solu hè adattatu, sia da u sessu maschile sia da a femina. L'esistenza di sta pratica hè ancu cunfirmata da a tistimunianza di i monumenti liturgichi è u missaghju di Met. Ciprianu à egumenu Atanasio (1340-1405). Cusì, in u missale di u XIV seculu. a manu bibl. typografica, n ° 129, ci hè una rimarche: "un padrinu chì vole accettà un zitellu per u battesimu, cusì ancu un padrinu, inchinava u capu inseme à u ghjovanu". "Micca assai padrinu hè degnu di esse, più bassu di u padrinu è a madrina, cum'è s'ellu ci hè qualcosa chì succede in a nostra terra", scrive Ciprianu, ma hè degnu di esse battizatu solu è chjamà u padrinu, o maritu, o moglia. A ghjudicà da l'evidenza data, l'usu in quistione hè statu osservatu micca solu in Pskov. In u XVmu seculu a so esistenza hè nutata da Mr. Photius, parlendu in "Insegnamentu nantu à l'impurtanza di St. sana", u seguente: "quandu fate u battèsimu, u padrinu seria unu per u sessu maschile, è u sessu femminile hè un padrinu; ma ùn ci saria dui padrini ", è un serviziu manuscrittu. sofà Bibl., N ° 839, urdinendu à commemorate u padrinu è a madrina à a litania speciale. Ma questu ùn hè micca abbastanza. Sicondu un manuscrittu di u XV seculu. ("Domande è Risposte nantu à Diversi Casi di Pràtica Pastorale"), chì cuntene a quistione: "hè appruvatu di battizà un zitellu cù dui padrini o dui padrini", à questu tempu era abitudine di avè dui padrini è dui padrini durante u battesimu, chì s'assumiglia à a pratica occidentale XIII Art. Da u XVmu seculu l'usu in quistione passò à u XVImu seculu è infine hà causatu a decisione di a Cattedrale di Stoglavy : « è ci saria un padrinu, masciu o femina, ma ùn ci saria micca dui padrini è parechji padrini, cum'è ùn avete micca questu. prima." Ma sta definizione ùn era micca valida : l'usu prevalenti era di avè duie riproduzioni. "Replay. ma cù quellu chì hè battezzatu, parechje persone ùn sò micca degne di esse, leghjemu in e nostre mani. Mosca sin. Bibbia, N ° 358, ma solu, cum'è l'usu hè accettatu per u sessu maschile è a femina, ma ùn ci hè micca assai più di questu. A listessa pratica hè osservata in u XVII seculu. In u breviariu di Petru Mohyla, una recitazione hè cunsigliatu, ma nunda ùn hè dettu contru à un numeru più grande. In i risoluzioni di a Cattedrale di Mosca di u 1667, hè direttamente urdinatu chì à u battèsimu di un zitellu deve esse un padrinu è una madrina. Sta regula hè stata causata, in ogni probabilità, da u fattu chì più di una coppia di padrini era permessa à u battèsimu. A ghjustizia di questu hè cunfirmata da a stessa formula di a definizione conciliare: "Brizza forte, dicenu i babbi di u cunciliu, cusì chì à u battesimu di un padrinu omu o femina ci deve esse unu è u successore hè una mòglia". Cù a pratica di u XVII seculu. a pratica di u diciottu hè in piena accordu. L'étranger Cornelius de Bruin, qui a parcouru la Russie entre 1701 et 1708, dit : chì u padrinu è a mamma sò scelti à u battesimu. In quantu à u tempu prisente, a prisenza à l'attu di battèsimu riproduce. è i destinatari sò una occorrenza cumuni. Inoltre, succede ancu chì più di una coppia hè invitata. Frà altre cose, u decretu di S. Sinodu di u 18 di ghjugnu 1834 « À u battèsimu di una persona, si dice, ci deve esse un padrinu è una madrina ; è per imputà à i preti u duvere: 1) in u casu di parechje persone invitate à a percepzione da a fonte, per permette una coppia, principarmenti numinata per questu scopu da i genitori o parenti di a persona chì hè battezzata, à u azzione rituali, ricurdendu in e preghiere; 2) à questu solu un coppiu, cum'è percepzioni reali, per attribuisce a parentela spirituale, cum'è determinata da e regule di a chjesa. Ma u decretu di u sinodu pò esse cunsideratu una cuncessione simplice à a pratica chì hà sviluppatu annantu à i seculi. In principiu, però, solu un receptore hè ricunnisciutu cum'è necessariu; cù un zitellu masciu, un omu; cù un zitellu femina, una donna. U breviariu hè spressione in questu spiritu. In questa basa, da u decretu di u 1837 di u 31 di dicembre, a relazione trà u destinatariu è u destinatariu hè stata ricunnisciuta è dichjarata inesistente. Ma u decretu di u 19 di ghjennaghju di u 1810, chì pruibisce u maritu è ​​a moglia di piglià inseme u listessu battizatu da a fonte, ferma in vigore.

SUCCESSORI, - sicondu l'usu di a parolla accettata, u terminu "successore" (ἁνἁδοχος, suscettore, sponsor, fidejussor, etc.) significa una persona chì hè un tistimone, garante di a fede di a persona chì hè battezzata è inseme cù u so mentore, capu in a futura vita religiosa è morale. Cum'è una istituzione spiciali, l'accoglienza esiste quasi da u primu seculu cristianu, ma i circustanzi è i ragiuni chì l'anu causatu ùn sò micca spiegati da i babbi è i prufessori di a chjesa, è per quessa, i ricercatori più tardi risolve stu prublema in modu assai diversu. Qualchidunu traccianu l'iniziu di a ricettività à i rulings di a Chjesa Ebraica, à l'esigenza di fà u ritu di circuncisione in presenza di dui tistimoni. Da u Ghjudaismu, sta custumu passò in u Cristianesimu per a causa chì a circuncisione servia cum'è un tipu di battèsimu. Ma postu chì in realtà ùn ci hè micca indicazione, chì a circuncisione esse realizatu in presenza di tistimoni, i riferimenti di solitu in questu casu à 8, 2; 49, 22; 60, 4 Ave. Isaia è 1, 59-63 Eb. L'arcu ùn anu micca u so scopu, allura a vista indicata di l'urìgine di a percepzione ùn pò micca esse ricunnisciuta cum'è curretta. Altri, cunsiderendu u battèsimu cum'è una unione o un cuntrattu, è i destinatarii cum'è tistimoni, sustenenu chì a so apparizione hè stata causata da a pratica legale rumana, micca scunnisciutu à parechji babbi di a chjesa, chì necessitava a presenza di tistimoni à u cuntrattu. Una tale imitazione di e lege rumane ùn hè micca pocu prumuvutu, cum'è cusì, da l'era di a persecuzione, durante a quale parechji rinunziò à Cristu è si chjusu in u so battèsimu. Per guardà i debbuli da questu, a chjesa hà stallatu i padrini chì puderanu sempre pruvà chì u rinunziatore era battizatu è appartene à a cumunità cristiana. Senza dati storichi, sta ipotesi soffre di una cuntradizzione. Se a chjesa hà numinatu i padrini per u timore chì i cristiani ùn rinunzià micca à Cristu durante a persecuzione, allora a listessa fundazione puderia è deve esse impeditu un tali stabilimentu. A Chjesa puderia preoccupari chì u destinatariu stessu, terrorizatu da l'esicuzzioni, ùn rinunziò micca à Cristu, è cusì, invece di un apostatu, ùn ci saria micca dui. Ancora altri, finarmenti, dicenu chì l'accolta cuminciò à u battèsimu di i zitelli incapaci di cunfessà a fede, chì, secondu u cumandamentu di u Salvatore, era dumandatu à i battezi. Ma una tale opinione hè refutata da u fattu chì, sicondu i reguli di a chjesa antica, i padrini sò stati affidati per u battèsimu di i zitelli è di l'adulti. Hè assai prubabile, si pò pensà, u stabilimentu di a ricettività hè stata causata da u desideriu di a chjesa di ùn permette micca e persone in i so intestini, accettà u Cristianesimu micca in virtù di a cuscenza di a so verità, ma da altre cunsiderazioni, spessu ostili à u Cristianesimu. Unu di i mezi di prutezzione di tali membri era l'intruduzioni di sponsors, o guarantis, chì avarianu garantitu per a sicurità di l'admission di un novu membru - per a sincerità di i so mutivi. Truvemu cunferma diretta di questu in u Viaghju à St. i lochi di S. Silvia d'Aquitania" (IV seculu). Dice chì riguardu à quelli chì dumandavanu u battèsimu, u vescu dumandò à i padrini : anu una bona vita, onuranu i so parenti, sò ubriachi è bugiardi, è di altri vici gravi. S'ellu si trova chì a persona chì dumanda u battèsimu hè appruvata da i tistimoni prisenti, allora u vescu scrive u so nome ... Sì qualchissia hè un stranieru è ùn hà micca tistimoni chì l'anu cunnisciutu, Sylvia nota, allora ùn hè micca faciule. per ellu riceve u battesimu (Krasnoseltsev, Serviziu divinu di a chjesa di Ghjerusalemme à a fine di u 4u seculu, pp. 40-1). A percepzione causata da i motivi indicati ùn hè micca sparitu ancu dopu avè passatu. A so esistenza hè stata sustinuta da l'usu emergente è stabilitu di u battesimu di i zitelli.

Literatura.

* Alexander Vasilyevich Petrovsky,

  • N. F. Markov. Receivers - e so qualità è duveri.

Binghamus, Origini. Vol. IV. Martene, De antiquis ecclesiae ritibus P.I. Schuler, De Susceptoribus; in Volbedinga, Thesaurus commentariorum. Vetrinsky, Monumenti di l'antica chjesa cristiana, II Vol. Almazov, Storia di u ritu di battèsimu è crismazione battèsimu. "Rukov. per i pastori rurali”, 1878, nn. 20 è 50. Odintsov, L'ordine di cultu publicu è privatu in l'antica Russia finu à u XVImu seculu. Dmitrievsky, Serviziu divinu in a Chiesa Russa per i primi cinque seculi ("Pravoslav. Conversation", 1883, II part).

Maestru di Teologia, Docente

Se in questu modu i mutivi per u stabilimentu di a ricettività sò più o menu chjaru è capiscenu, allura l'ora esatta di a so apparizione ùn hè micca cunnisciutu. Ciò chì hè sicuru, però, hè chì i scritti di l'apòstuli ùn dicenu micca una parolla di ellu. Un allusion indefinitu à i destinatarii si vede in u munumentu II Art. "Διδαχἡ τὡν δὡδεχα ἁποστὁλων". Hè ricumandemu u digiunu prima di u battèsimu micca solu à a persona chì hè battezzata, ma ancu à alcuni altri, da quale, assai prubabilmente, unu deve capisce i destinatari. A prima evidenza abbastanza chjara di elli data di a mità di u seculu seculu. Hè sottu à l'annu di a morte di u vescu Rumanu Hyginus (154) chì a menzione hè stata cunsirvata ch'ellu hà rinfurzatu u ritu chjesa di accettazione per decretu. A prussima volta evidenza si trova in u capitulu XVIII. scritti di Tertullianu (iniziu di u 3u seculu) "nantu à u battesimu". Ribellendu contru à u battesimu in a zitella, cita in difesa di a so vista l'argumentu chì in tali casi ripruduce. sò in periculu di ùn cumpiendu u votu ch'elli anu datu, sia per via di a so morte, sia per i cattivi inclinazioni di i zitelli chì anu aduttatu. Un altru munumentu di u III seculu. - "Reguli arabi" - cunnosce ancu e persone spiciali chì sò rispunsevuli di i zitelli à u battèsimu (Sar. 19, 7). Da i munumenti di u IV seculu. o esisteva repro. dicenu i Decreti Apostolici (III libru, ch. 16), "Viaghju à St. i lochi di S. Sylvia d'Aquitaine ", discrittendu u ritu di accettazione in u numeru di catecumeni è nutendu chì quelli chì dumandanu u battèsimu venenu à a chjesa cù i padrini: l'omi cù l'omi, e donne cù e donne (Krasnoseltsev, ibid., p. 40), è ancu. l'assaig attribuitu à Dionisiu l'Areopagite "Da a ghjerarchia chjesa". L'ultime oblige u cercadoru di battèsimu à avè una ripruduzzione, è u nome di i dui hè arregistratu in u libru. « Le grand prêtre, dit le chapitre II, ordonne aux prêtres d’enregistrer à la fois celui qui est annoncé et celui qui l’a reçu ». Instruendu a persona chì hè battezzata per avè a ripruduzzione, l'antica chjesa assignava un tipu speciale di duvere à l'ultimi. Sicondu l'evidenza di i munumenti, anu cuminciatu prima di u battèsimu, anu fattu durante l'attu stessu di battèsimu, è cuntinuò dopu. In quantu à l'obligazioni di u primu tipu, dunque, à ghjudicà da XII Ave. IV di u Cunsigliu di Carthage, s'assumiglianu à insignà à u percepitu ciò chì avia da dì à u battesimu. "E veduve è vergini, i babbi di u cunciliu, chì sò eletti durante u sacramentu di e donne battezzate, anu da esse cusì preparatu per a so pusizioni chì ponu insignà à e mogli simplici è senza educazione cumu si deve risponde à quellu chì batteza durante u battesimu cù liberi è senza educazione. discorsu santu". I duveri di u sicondu tipu ùn eranu micca listessi, secondu chì u benefiziu percive. Sì a persona chì era battezzata era un zitellu, allora hà fattu una cunfessione di a fede per ellu, rinunciò à u diavulu, unitu à Cristu, in una parolla, risponde à tutte e dumande in nome di u zitellu chì era battizatu. "I nostri mentori divini", dice l'ottu capitulu di l'assau "In a Ghjerarchia di a Chjesa", decisu di riceve i zitelli secondu l'ordine sacru in modu chì i parenti naturali l'affidanu à unu di i credenti ... u ghjerarca forza à sta persona per pronunzianu. rinuncia è a cunfessione sacra. U stessu hè dettu da Gennady Massilisky (493) in 52 ch. di u so essai nant'à "Church Dogmas", è Beatu. Augustine cita ancu quelli quistioni chì sò stati pruposti per esse riproduci. zitellu, vale à dì: crede in Diu? Si adatta à Diu? Hè u diavulu nigatu ? (98 lettera à Bunifaziu ; 218 discorsu à i penitenti). Les mêmes devoirs étaient assignés au récipiendaire même lorsque ceux qui étaient baptisés se trouvaient dans un état tellement anormal qu'ils ne pouvaient pas répondre aux questions offertes par l'exécutant du sacrement. "Invece di quelli, nota Clemente d'Alessandria in un cummentariu nantu à 26 v. 11 ch. i Vangeli di Ghjuvanni, chì sò ossessionati da una malatia seriu, è dunque deve esse battizatu, nigatu (u diavulu) è cumminati (à Cristu) altri, chì, cum'è per amore, deve parlà per elli. L'evidenza simile hè presentata da a storia di u vescu africanu Fulgentius chì per un africanu chì hè cascatu in a frebba durante u battesimu è si sò diventati senza parolle, "altri rispundenu cum'è un zitellu". A pratica nutata hè legittimata da 34 Ave III di u Cunsigliu di Cartagine. L'antica chjesa è tutti i stupidi appartenenu à a categuria di sti persone anormali. In quantu à u battèsimu di persone anziane è sane, ùn hè micca dettu chì questi duveri ùn anu micca fattu quì. U destinatariu era in questi casi un tistimone, un garantitore di a fede di a persona chì era battezzata, è da a so pusizioni ricurdava à a persona chì era percepita di l'obligazioni ch'ellu assumeva quandu entra in una sucità cristiana. A validità di questu hè cunfirmata da u passaghju sopra da u "Viaghju di Sylvia", è ancu u fattu chì seguita. San Tiadoru, rifirendu à Ghjuvan Spafariu, chì, cù a so repro. hà pigliatu l'imaghjini di S. U Martiri Demetriu, appruva u so attu, dicendu chì "St. un martire puderia esse un testimone megliu cà qualsiasi rè o principe terrenu ". A participazione à l'attu di battèsimu ùn hà micca finitu i duveri di u destinatariu; in modu strettu, eranu appena principiatu. Pruvendu per a fede è a pietà di i battezzati, u destinatariu assume cusì l'obbligazione di istruiscelu in i dui è in tutta a so vita successiva, era u guardianu di a fede è a moralità di u percivutu. Una indicazione diretta è chjara di tali obbligazioni hè riproduce. truvemu in e parolle seguenti Augustine: "Dumandu, dice in 218 di i so discorsi, chì ogni omu è ogni donna chì hà aduttatu i zitelli di St. i fonti, ogni volta chì venenu e celebrazioni di Pasqua, ricurdò ch'elli sò i garanti di a fede, è per quessa, anu da sempre sustene in quelli chì anu percepitu da elli, a preoccupazione per l'amore veru, l'esurtavanu à priservà a purità, a preservazione di a virginità prima di u matrimoniu. esigeva ch'elli cuntenenu a fede cattolica, andavanu più spessu à a chjesa, è, lascendu l'assente, ascoltavanu attenti à e letture divine »... In un altru locu, li rende ancu u duvere sia in parolla sia in opera insegna a purezza percepita,

Reguli di ripruduzzione. Chjesa Greca di i tempi più tardi ùn prisenta nunda di novu, assai sfarente di quelli chì sò appena datu. Solu a vista di u numeru di destinatari hà cambiatu un pocu. Mentre chì, sicondu Ghjorghju Pachymer (XIII seculu), Simeone di Tessalonica è certi munumenti liturgichi, riproducevanu. ci pò esse solu una persona, altri documenti parlanu digià di parechji. Allora, in a lista Cryptoferrati di u ritu di battèsimu (XIII seculu) ci hè una rimarche chì a negazione hè "pronunziata da i destinatari" (Goar. Εὑχολὁγιον, p. 278, not. 8). Trè seculi dopu, sta pratica hè stata cundannata da u Patriarca di Custantinopuli Ghjeremia II (XVI seculu). "Hè ghjuntu à a nostra dimensionalità", hà scrittu à l'abitanti di Cipru, chì alcuni di i preti è spirituali, hè diventatu abitudine di chjamà parechji zitelli cristiani à u battesimu ... Per quessa, scrivimu à tutti voi è dichjarà chì da avà nunda ùn deve esse fattu, ma chì ci sia solu un destinatariu, cum'è a lege divina è sacra cumandanu. ." L'usu nutatu, però, ùn hà micca sopravvissutu in a pratica di a Chjesa Greca, è attualmente seguita i decreti di l'antica. Avemu vistu a stessa cosa in a chjesa occidentale. Sicondu a definizione di i cunsiglii di u XIII seculu. u numeru di destinatari deve esse trè: à u battèsimu di un zitellu masciu - dui omi è una donna, à u battèsimu di una zitella - duie donne è un omu. L'altri cunsiglii di u listessu tempu ùn prescrive micca più di quattru ripruduzzioni. è almenu dui. Sta pratica cuntinuò finu à u XVImu seculu. cum'è e lege divine è sacre cumandanu ". L'usu nutatu, però, ùn hà micca sopravvissutu in a pratica di a Chjesa Greca, è attualmente seguita i decreti di l'antica. Avemu vistu a stessa cosa in a chjesa occidentale. Sicondu a definizione di i cunsiglii di u XIII seculu. u numeru di destinatari deve esse trè: à u battèsimu di un zitellu masciu - dui omi è una donna, à u battèsimu di una zitella - duie donne è un omu. L'altri cunsiglii di u listessu tempu ùn prescrive micca più di quattru ripruduzzioni. è almenu dui. Sta pratica cuntinuò finu à u XVImu seculu. cum'è e lege divine è sacre cumandanu ". L'usu nutatu, però, ùn hà micca sopravvissutu in a pratica di a Chjesa Greca, è attualmente seguita i decreti di l'antica. Avemu vistu a stessa cosa in a chjesa occidentale. Sicondu a definizione di i cunsiglii di u XIII seculu. u numeru di destinatari deve esse trè: à u battèsimu di un zitellu masciu - dui omi è una donna, à u battèsimu di una zitella - duie donne è un omu. L'altri cunsiglii di u listessu tempu ùn prescrive micca più di quattru ripruduzzioni. è almenu dui. Sta pratica cuntinuò finu à u XVImu seculu. à u battèsimu di un zitellu masciu, dui omi è una donna; à u battesimu di una zitella, duie donne è un omu. L'altri cunsiglii di u listessu tempu ùn prescrive micca più di quattru ripruduzzioni. è almenu dui. Sta pratica cuntinuò finu à u XVImu seculu. à u battèsimu di un zitellu masciu, dui omi è una donna; à u battesimu di una zitella, duie donne è un omu. L'altri cunsiglii di u listessu tempu ùn prescrive micca più di quattru ripruduzzioni. è almenu dui. Sta pratica cuntinuò finu à u XVImu seculu.

Fonte di testu: Enciclopedia Teologica Ortodossa. Volume 3, colonna. 1000. Edizione Petrograd. Supplementu à a rivista spirituale "Wanderer" per 1902. Ortografia muderna.

L'obligazioni solu indicatu da elli stessi predeterminanu a quistione di quale l'antica chiesa hà permessu di esse un successore. Siccomu era un tistimone, un garantitore di a fede di u battizatu è u so mentore in a vita più tardi, ùn pudia esse solu quellu chì ellu stessu hè statu struitu in e verità basiche di u Cristianesimu, cunniscia u credo, a Preghiera di u Signore è altri punti principali di u Cristianesimu. Dogma cristianu. "Prima di tuttu, padrini", dice u Beatu. Agostini in u so discorsu dopu à Pasqua, duvete cunnosce u credu è a Preghiera di u Signore. In ogni casu, i credenti in l'antica chjesa ùn participanu micca ugualmente à l'accolta: ci sò persone chì, sicondu l'opinioni arradicate, eranu più vuluntarii invitati à cumpiendu stu duvere cà l'altri. In i seculi IV è V. tali persone eranu i genitori di i zitelli; eranu padrini per via di a vista chì era assai diffusa à l'epica, chì solu allora si pò esse liberatu in u battèsimu da u peccatu ancestrale, quandu i zitelli sò percepiti da a fonte da i genitori stessi. Stu custumi esiste, però, micca per un bellu pezzu. Da u 5u seculu, l'idea di una relazione parenti (spirituale) hà cuminciatu à sviluppà. à u percepitu, l'idea furmulata à u Cunsigliu di Trull in un canonu spiciale (53). Sutta l'influenza di questu, sò ghjunti à l'idea di l'impossibilità di i genitori di esse i padrini di i so figlioli, perchè in questu casu u so matrimoniu hè diventatu illegale, cum'è un matrimoniu cunclusu in una relazione stretta. Dunque, in 776-80. L'imperatori Leone IV è Custantinu V anu publicatu una lege chì impedisce à i genitori di accettà i so figlioli da u battesimu. L'altri persone chì in l'antica chjesa anu datu preferenza in l'esercitu di i duveri di ripruduzzione eranu cristiani chì anu dedicatu sanu sanu à u serviziu di a chjesa - diaconi, diaconesse, eremiti e vergini. "Un omu, note ch. 16. III libru. Ap. Decreti, percepisce u diaconu, è a donna - a diaconessa. Un'indicazione di u cumpletu da eremiti è vergini di u duvere di un padrinu si trova ancu in 98 epistole di felicità. Augustin à Bonifaziu. Infine, u fattu hè cunnisciutu chì u padrinu di a surella di St. Epithinia era a vergine Veronica. Cù u passaghju di u tempu, sta custumi hà ancu cuminciatu à debule à pocu à pocu. Dunque, in e definizioni di u Cunsigliu di Antissiodoren'sky (590) ci hè un decretu direttu chì pruibisce un prete è un monacu per percive à u battèsimu. u fattu hè cunnisciutu chì u padrinu di a surella di St. Epithinia era a vergine Veronica. Cù u passaghju di u tempu, sta custumi hà ancu cuminciatu à debule à pocu à pocu. Dunque, in e definizioni di u Cunsigliu di Antissiodoren'sky (590) ci hè un decretu direttu chì pruibisce un prete è un monacu per percive à u battèsimu. u fattu hè cunnisciutu chì u padrinu di a surella di St. Epithinia era a vergine Veronica. Cù u passaghju di u tempu, sta custumi hà ancu cuminciatu à debule à pocu à pocu. Dunque, in e definizioni di u Cunsigliu di Antissiodoren'sky (590) ci hè un decretu direttu chì pruibisce un prete è un monacu per percive à u battèsimu.

... a mo mamma, prima di unisce à a Chiesa Ortodossa, era chjamata Charlotte Karlovna. Ma cumupadrinuu so fratellu era u mo babbu, Pyotr Neofitovich, allora a mo mamma in Ortodossia era chjamata Elizabeth Pe ...

(chì). Per i cristiani : impegnà (-shat) nantu à qualchissia. ritu...

Chjese chì dumandanu u battèsimu di i zitelli. U Sacramentu di u Battesimu in a nostra chjesa...

Un padrinu ùn pò esse quellu chì s'hè alluntanatu da a Chjesa (in regula micca ...

u ritu di battèsimu, a persona chì piglia in braccia un zitellu catturatu da a fonte ...

tiratu fora...

qualcunu in u rolu di un padrinu (à. babbu) o un padrinu ...

finitu è...

... u sacramentu di u battèsimu. Battezzatu da u cunfessore reale Arcipreste di a Cattedrale di l'Annunciazione Andrey Savinov,padrinida u font era Tsarevich Fedor Alekseevich è a surella di Alexei Mikhailovich, a principessa Irina Mikhailov ...

à u vostru zitellu. Per mezu di u Battesimu avemu diventatu più vicinu à quella persona.

U Battesimu o Battesimu di un zitellu hè realizatu in u tempiu. Padrino -
l'adulti sò tistimoni è garanti di a serietà ...

Allora pensemu dinò ciò chì hè u Sacramentu di u Battesimu, u
ritu cristianu di u battèsimu - una persona chì piglia un zitellu in i so braccia,

Chì sò i duveri di i destinatari (padrini). Una volta

U padrinu (padrina) hè un tistimone in u Sacramentu di u Battismu, un guarantimentu per
se pudemu diventà padrini per qualchissia è cumu pudemu sceglie i padrini per a
Tradizione Apostolica. A parolla greca "anadechomenos" (padrina)
avia
da aiutà u prete durante u Battesimu. Quandu u sacramentu
riceve u zitellu da a fontana, u padrinu. II bè. u destinatariu,
battezu, battezu; battezzatu (-en, -ena); gufi. è nesov. 1. quale

REMINDER per i genitori è i padrini chì applicanu à
BATTIZE

RECEIVER hè

RICEVITORE, -a, m. (antiquatu). Cristiani à u ritu di battèsimu : omu,
-s. II agg. riceptivi, -th, -th.

RICEVITORI. (padrina è mamma), persone chì à u battèsimu

L'usu d'avè i padrini à u Battesimu risale à i più antichi
, th, th. 1. Trà i cristiani : participà à u ritu di u battèsimu

U padrinu (grandparent) deve esse un cristianu ortodossu.

A persona à quale avemu dimustratu cunfidenza, vulendu piglià ellu cum'è u destinatariu di
a fede di a persona chì hè battezzata, hè obligatu à istruiscelu in e regule di u Cristianu ...

U so impegnu à educà bè un zitellu battizatu, ella

U padrinu è a madrina (cusì
sò chjamati u padrinu è a madrina in a Ribbon) esistenu dapoi l'età apostolica. Tutti quelli chì sò battezzati - è ...

porta à traversu quelli chì ellu chjama padrini o padrini...

padrinu - SUCCESSOR, vospriemnik, male. (ufficiale di a chjesa). À

SUCCESSOR, vospriemnik, maritu. (ufficiale di a chjesa). Sottu
"successore" cristianu slavu. Perchè? Dopu à l'immersione in u font, u prete da a
Parola in VO


0 replies on “Destinatari”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *